Partiamo dal presupposto che la presenza di concorrenza (anche sleale) significa che il settore è vivo e le persone hanno un problema da risolvere per cui sono disposte a pagare. Essere l’unico psicologo nel deserto difficilmente aiuta a fare soldi velocemente. La concorrenza è positiva. Ne abbiamo parlato anche in questo video.

Concorrenza sleale: come fare la differenza per il cliente e per il settore

Che tu sia un freelance del settore digital o un libero professionista iscritto ad albo è fondamentale che tu possa trovare il modo di distinguerti da qualsiasi collega o concorrente del settore. Evitiamo di dire che siamo meglio degli altri: siamo meglio per uno specifico tipo di cliente.

Dobbiamo identificare per chi. Quando il cliente non è in grado di distinguerci dagli altri sceglie in base a questi parametri:

  • Miglior prezzo;
  • Comodità;
  • Esperienza positiva di conoscenti;
  • Abitudine;

Quando decidiamo di diventare partite iva ci iscriviamo all’università in base a una di queste quattro preferenze:

  • Maggior profitto;
  • Sbocchi lavorativi;
  • Passione;
  • Facilità;

Tutti i nostri concorrenti fanno la stessa cosa.

Per questo dobbiamo distinguerci diventando più utili al cliente. In questo modo sceglierà noi. Utilizzando il principio di Pareto e la tua unicità puoi comprendere cosa rende maggiormente, concentrandoti solo su quello ed escludendo tutto il resto.

Ecco la soluzione alla concorrenza sleale

Quando c’è concorrenza sleale significa che non c’è alcuna idea di come progredire onestamente. La soluzione è distinguersi attraverso il brand positioning: bisogna individuare le caratteristiche di unicità che mettono in risalto i punti forti e trasformino i difetti in caratterizzazioni utili al cliente. Quali sono i tuoi valori professionali? Facciamo degli esempi:

  • Qualità;
  • Lusso;
  • Servizio;
  • Disponibilità;
  • Cortesia;
  • Capillarità;
  • Semplicità;

Non è semplice rispondere a questa domanda. Se anche ci riesci, devi fare attenzione a utilizzare solo i valori che non vengono offerti dalla concorrenza. Devi offrire un valore unico e cercato dal cliente.

Come diventare leader di settore

Se vuoi aumentare la tua produttività ed essere leader di settore devi distinguerti dalla concorrenza.

“Se lavori nell’indifferenziazione finisci nell’indifferenziato”. ⋆ Morris Bottazzi

La soluzione alla concorrenza (sleale e non) è avere un ottimo brand positioning. Quello che in molti non hanno compreso è che non parliamo della “tecnicuccia di marketing” o della “regoletta per vendere” ma parliamo di identità professionale, valori, missione e scopo.

Per questo abbondano i consigli e le tecniche ma in pochi riescono a ottenere risultati. Perché dobbiamo accettare il prezzo da pagare. Se vuoi diventare icona nel tuo settore devi dare spazio a questi cinque aspetti:

  1. Ordine di importanza;
  2. Diversità;
  3. Legge del contrario;
  4. Legge del limite;
  5. Ripetizione;

Definisci come ti percepisce il cliente e comunica cosa ti distingue ai suoi occhi. Poi afferma il contrario degli altri colleghi o concorrenti in funzione del tuo cliente target. Usa dati e numeri per motivare quanto affermi. Spiega chi non può trovare beneficio da te (importante). Poi ripeti lo stesso messaggio adattandolo al contesto.

ATTENZIONE! Non devi essere “meglio” ma semplicemente diverso dagli altri. Serve calma e pazienza ma i risultati poi arrivano.

“In ogni caso, qualsiasi cosa tu pensi, qualsiasi cosa succeda, INIZIA.”

 

1Minute Mail GRATIS: scopri i segreti per diventare subito un PROFESSIONISTA PRODUTTIVO.

Vuoi ricevere contenuti esclusivi che si leggono in un minuto?
Iscriviti subito!

ISCRIVITI SUBITO

Lascia un commento

Open chat
Help
Ciao!
hai bisogno di aiuto?

Scrivici pure, cercheremo di risponderti il prima possibile. 😊