La vita è una cosa strana, è fatta di alti e bassi, di momenti in cui ti guardi allo specchio al mattino con soddisfazione e altre in cui fai in modo di non incrociare nemmeno il tuo stesso sguardo. Ci sono giorni in cui ti senti l’energia di spaccare il mondo, altri in cui non hai proprio la forza. E non intendo la forza fisica, ma l’ energia interiore: quella che ti dà la positività, l’ottimismo, la fiducia in te e nelle tue capacità. Ecco come uscirne: Quando il periodo è un periodo No, hai proprio dei down d’umore durante la giornata: litighi con tutti (anche se solo con la mente), non hai voglia di parlare, ti senti come trascinato in basso da un buco nero che si trova a livello dello stomaco.

Se tutto questo si manifesta non solo qualche ora, ma per un periodo più prolungato, è il caso di dire che si sta perdendo se stessi, andando in direzione della depressione. Perdere se stessi significa vivere in balia del proprio malessere, sentirsi schiavi di se stessi e della propria ansia, avere la paura di non farcela e di non essere in grado di soddisfare le aspettative degli altri. Per questo è possibile tornare felici in 9 passi.

Uscire da soli da una situazione del genere è possibile? La risposta è : se ti senti soffocare da qualcosa, è istintivo togliere quella cosa per tornare a respirare, no? Ebbene, è la stessa cosa! Ritrovare se stessi è possibile, i modi sono diversi, ti do un mio metodo: verificherai tu se funziona anche con te, come ha fatto con me. Diversamente puoi creare la tua strategia o rivolgerti a un esperto in materia come lo psicologo. Se ritieni di averne bisogno senti prima il suo parere.

ritrovare se stessi, perdere se stessi, autostima, consapevolezza, fiducia in se, sferya

Prendere coscienza di un problema è iniziare a risolverlo

Il punto di partenza per il percorso personale per la ricerca di te inizia dal momento che ti metti in testa la frase seguente di Gandhi, uno degli aforismi sul ritrovare se stessi che amo di più:

“Il futuro dipende da ciò che facciamo nel presente” (Mahatma Gandhi)

Non serve andare in India per ritrovare se stessi, si può fare ovunque e in qualunque momento. Il punto di partenza è prendere coscienza di essersi persi, per iniziare così volontariamente un percorso interiore per ritrovare l’ autostima e la fiducia in se stessi. La prima cosa a cui devi pensare è di cosa ti vorresti liberare della tua vita. Di cosa ti vorresti liberare? Quali sono gli aspetti della tua vita che nella realtà non ti appartengono o che non rispecchiano il tuo ideale? Vivi o ti lasci vivere? Sei felice della tua vita professionale o sono gli altri che ne sono felici?

ritrovare se stessi, perdere se stessi, autostima, consapevolezza, fiducia in se, sferya

Conoscere se stessi e gestire le proprie emozioni

“Chi sono?” Tutti prima o poi si fanno questa domanda, è normale e anche se sul momento la risposta non arriva subito, posso garantire che prima o poi arriva, sempre. La chiave è farsi le giuste domande.

“Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.” (Bibbia)

Osservati, dentro e fuori, prendi consapevolezza del tuo corpo. Muovilo ed assumi il pieno controllo, ascolta i battiti del cuore. Adesso osserva la tua mente, fai la stessa cosa appena fatta. Lo senti? Puoi decidere a quale pensiero dare vita. Un pensiero puoi mantenerlo in vita, prestandoci attenzione, o farlo svanire, ignorandolo. Prova a prestare attenzione a quello che fa la tua mente, quando la lasci scorrazzare libera: prendi consapevolezza di quello che fa.

ritrovare se stessi, perdere se stessi, autostima, consapevolezza, fiducia in se, sferya

Mentre tutto questo accade come ti senti? Quali sono le emozioni che ne nascono? Fai caso all’emozione principale e lascia che fluisca, osservala come persona esterna. È là, la stai osservando, ne sei distaccato, non sei tu. Se l’emozione è negativa, questo è un modo per liberartene, per riacquistare la tua autostima in concomitanza con la consapevolezza di te. È più semplice di quello che può sembrare, prova e fai pratica. In tutti i casi vedrai che rivolgendo il tuo sguardo dentro, anziché solo fuori, puoi osservare le tue emozioni e gestirle. Sei tu il capo: con un po’ di allenamento il punto di osservazione esterno diventerà la tua arma segreta per ritrovare la forza dentro di te.

“Poiché tutto è un riflesso della nostra mente, tutto può essere cambiato dalla nostra mente.” (Buddha)

Ritrovare se stessi

Avrai capito che per fare un percorso di crescita personale e ritrovare se stessi si inizia facendosi delle domande profonde, che vanno a stimolare la propria vera essenza. A volte è proprio necessario perdersi per ritrovare se stessi, quindi dai libero sfogo alle tue mille domande, anche se ti sembrano assurde. La tua vera essenza si nutre di queste: è lì, è sempre stata lì, anche se si credi di averla persa. Per risvegliarla/ritrovarla è solo necessario risintonizzarsi su se stessi, silenziando il caos nella propria mente, per dar modo alla propria vera natura di riaffiorare e di capire se stessi. Se da solo non riesci ci sono alcune discipline che possono favorire il contatto con il tuo io interiore, come la meditazione, il reiki, lo yoga. La chiave di tutto è comprendere che la vita non è bella o brutta semplicemente va vissuta senza aspettative o confronti con altre persone perché l’unica persona importante sei tu.

Ricordati che il cambiamento agisce sempre: è questo il momento giusto per iniziare a cambiare vita.

Morris

“Cambia vita in 15 minuti”

 

Per chi segue il metodo S.F.E.R.Y.A:
Dedica 15 minuti al giorno a questi aspetti per avvicinarti al tuo obiettivo:

quali spunti utili ti ha lasciato questo articolo? Approfondisci e metti in pratica!

CAMBIA VITA IN 15 MINUTI
Hai già fatto il test di cambiamento rapido per scoprire se il Metodo S.F.E.R.Y.A. ti può aiutare a cambiare vita in 15 minuti? Clicca qui!
sferya-logo

 

100% contenuti, 0% spam: iscriviti alla newsletter di Sferya!newsletter

Lascia un commento